portale internet  di informazione e promozione delle aziende vinicole italiane

 

 
Homepage
indice disciplinari
produttori
elenco aziende

DISCIPLINARI DI PRODUZIONE
"NASCO DI CAGLIARI"
D.O.C.

NASCO DI CAGLIARI
D.O.C.
D.P.R. 18/APRILE/1979
Modificato dal D.D. 30/Marzo/2001


Articolo 1

La denominazione di origine controllata "Nasco di Cagliari" è riservata al vino che risponde alle condizioni ed ai requisiti stabiliti nel presente disciplinare di produzione.

Articolo 2

Il vino "Nasco di Cagliari" deve essere ottenuto dalle uve provenienti dai vigneti composti dal vitigno Nasco. E' consentita, per favorire l'impollinazione, la presenza nei vigneti di non più del 5% di vitigni diversi, purché le uve da essi provenienti non siano utilizzate nella preparazione dei vini di cui al presente disciplinare e la superficie da essi coperta sia detratta agli effetti del computo della resa di cui al successivo articolo 4.

Articolo 3

Le uve devono essere prodotte nell'ambito territoriale della provincia di Cagliari e della provincia di Oristano limitatamente al territorio dei comuni appresso indicati: Abbasanta, Aidomaggiore, Albagiara, Ales, Allai, Arborea, Ardauli, Assolo, Asuni, Baradili, Baratili San Pietro, Baressa, Bauladu, Bidonì, Bonarcado, Boroneddu, Busachi, Cabras, Fordongianus, Ghilarza, Gonnoscodina, Gonnosnò, Gonnostramatza, Marrubiu, Masullas, Milis, Mogorella, Mogoro, Morgongiori, Narbolia, Neoneli, Norbello, Nughedu Santa Vittoria, Nurachi, Nureci, Ollastra Simaxis, Oristano, Palmas Arborea, Pau, Paulilatino, Pompu, Riola Sardo, Ruinas, Samugheo, San Nicolò d'Arcidano, Santa Giusta, Sant'Antonio Ruinas, Santu Lussurgiu, San Vero Milis, Sedilo, Seneghe, Senis, Sennariolo, Siamaggiore, Siamanna, Siapiccia, Simala, Simaxis, Sini, Siris, Solarussa, Sorradile, Tadasuni, Terralba, Tramatza, Ulà Tirso, Uras, Usellus, Villanova Truschedu, Villaurbana, Villa Verde, Zeddiani, Zerfaliu.

Articolo 4

Le condizioni ambientali e di coltura dei vigneti destinati alla produzione del vino "Nasco di Cagliari" devono essere quelle tradizionali della zona e, comunque, atte a conferire alle uve ed al vino le specifiche caratteristiche di qualità. Sono pertanto da considerarsi esclusi i terreni freschi, male esposti e quelli di debole spessore derivati da rocce compatte, le dune attuali, i terreni salsi, quelli derivanti da alluvioni recenti interessati dalla falda e infine i terreni situati oltre i 400 metri s.l.m.
I sesti di impianto, le forme di allevamento ed i sistemi di potatura devono essere quelli generalmente usati o comunque atti a non modificare le caratteristiche delle uve e dei vini. E' vietata ogni pratica di forzatura.
La resa massima di uva ammessa per la produzione del vino "Nasco di Cagliari" non deve essere superiore a 100 q.li per ettaro di coltura specializzata.
Fermo restando il limite sopra indicato, la resa per ettaro in coltura promiscua deve essere calcolata, rispetto a quella specializzata, in rapporto all'effettiva superficie coperta dalla vite.
A detto limite, anche in annate eccezionalmente favorevoli, la resa dovrà essere riportata attraverso un'accurata cernita delle uve, purché la produzione non superi del 20% il limite medesimo.
La resa massima delle uve in vino non deve essere superiore al 65 per cento.

Articolo 5

Le operazioni di vinificazione nonchè quelle di invecchiamento obbligatorio e di preparazione dei vini devono essere effettuate nell'interno della zona di produzione di cui all'articolo 3.
Nelle operazioni di vinificazione sono ammesse soltanto le pratiche enologiche leali, locali e costanti, atte a conferire al vino le sue peculiari caratteristiche.
E' vietato aumentare la gradazione alcolica complessiva del prodotto mediante concentrazione del mosto o del vino base o impiego di mosti o di vini che siano stati oggetto di concentrazione.
Per la preparazione dei tipi liquorosi è consentita l'aggiunta di alcol di origine vinicola al mosto o al vino di base.
Le uve destinate alla vinificazione devono assicurare al vino una gradazione alcolica complessiva minima naturale di gradi 13.
E' consentito un leggero appassimento delle uve sulla pianta o su stuoie.
Il vino "Nasco di Cagliari" non può essere immesso al consumo prima il 1° luglio successivo all'annata di produzione delle uve.

Articolo 6

Il vino "Nasco di Cagliari" all'atto dell'immissione al consumo deve presentare le seguenti caratteristiche:
- colore: dal giallo paglierino al giallo dorato;
- sapore: gradevole, con punta lievemente amarognola, caratteristica;
- odore: delicato con leggero aroma di uva;
- gradazione alcolica complessiva minima: 14,5 di cui almeno 12 svolta e un minimo da svolgere di 2,5 gradi; e per il tipo secco, da qualificarsi in etichetta come "secco" o come "dry", 14 gradi, di cui almeno 13,5 svolti ed un massimo da svolgere di 0,5 gradi;
- acidità totale minima: 4 per mille;
- estratto secco netto minimo: 22 per mille.
La denominazione di origine controllata "Nasco di Cagliari" può essere utilizzata per designare vini liquorosi ottenuti, mediante alcolizzazione, con i vini base o mosti rispondenti alle condizioni previste dai precedenti articoli.
Il vino "Nasco di Cagliari" nei tipi liquorosi all'atto dell'immissione al consumo deve presentare le seguenti caratteristiche:
- colore: dal giallo paglierino al giallo dorato brillante;
- all'odore ed al sapore una maggiore finezza ed un più spiccato aroma;
- gradazione alcolica minima complessiva: 17,5 di cui almeno 15 svolta ed un minimo da svolgere di 2,5 gradi e nel tipo secco, da qualificarsi in etichetta come "secco" o come "dry", oltre, naturalmente, che come liquoroso, 17,5 gradi di cui almeno 16,5 svolti ed un massimo da svolgere di un grado;
- acidità totale minima: 3 per mille;
- estratto secco netto: 20 per mille.
E' in facoltà del ministero dell'Agricoltura e delle Foreste, con proprio decreto, di modificare i limiti sopra indicati per l'acidità totale e l'estratto secco netto.

Articolo 7

I vini "Nasco di Cagliari" liquorosi qualora siano sottoposti ad un periodo minimo di invecchiamento di due anni di cui almeno uno in botti di rovere o di castagno, possono portare in etichetta la menzione "riserva". Il periodo di invecchiamento decorre dalla data di alcolizzazione del vino.

Articolo 8

Alla denominazione di cui all'articolo 1 è vietata l'aggiunta di qualsiasi qualificazione diversa da quelle previste dal presente disciplinare, ivi compresi gli aggettivi "extra", "superiore", "fine", "scelto", "selezionato" e similari.
E' tuttavia consentito l'uso di indicazioni che facciano riferimento a nomi, ragioni sociali, marchi privati, non aventi significato laudativo e non idonei a trarre in inganno l'acquirente.
E' consentito altresì l'uso di indicazioni geografiche e toponomastiche che facciano riferimento a comuni, frazioni, aree, fattorie, zone e località compresi nella zona delimitata dal precedente articolo 3 e dai quali effettivamente provengono le uve da cui il vino così qualificato è stato ottenuto.
Sulle bottiglie o altri recipienti contenenti i vini "Nasco di Cagliari" può figurare l'indicazione dell'annata di produzione delle uve, purché veritiera e documentabile.

Articolo 9

Chiunque produce, vende, pone in vendita, o comunque distribuisce per il consumo con la denominazione di origine controllata "Nasco di Cagliari" vini che non rispondono alle condizioni ed ai requisiti stabiliti dal presente disciplinare di produzione è punito a norma dell'articolo 28 del Dpr 12 luglio 1963, n. 930.

©   2007 Regione Autonoma della Sardegna

 
 
 
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Aziende consigliate

         

contatti

 

Adesione al portale

 

aziende  inserite


 
VINI-ITALIA.IT - OLI-ITALIA.IT  TIPICODITALIA.IT - DORMIREINITALIA.COM  ISAPORIDISICILIA.COM ART1.IT D0C.IT - D0CG.IT

partita iva 00732490891

© Art Advertising

NOTE LEGALI

Vini d'Italia Art Advertising non è collegato alle aziende ed ai siti recensiti e non si assume responsabilità sulla veridicità dei dati inseriti