portale internet  di informazione e promozione delle aziende vinicole italiane

 

 
Homepage
indice disciplinari
produttori
elenco aziende

DISCIPLINARI DI PRODUZIONE
TRENTINO
DOC

D.Dirett. 6 settembre 2002.
Modifica al disciplinare di produzione dei vini a denominazione di origine controllata «Trentino».
Pubblicato nella Gazz. Uff. 20 settembre 2002, n. 221.
IL DIRETTORE GENERALE
per la qualità dei prodotti agroalimentari
e la tutela del consumatore
Vista la legge 10 febbraio 1992, n. 164, recante nuova disciplina delle denominazioni di origine dei
vini;
Visti i decreti di attuazione, finora emanati, della predetta legge;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 20 aprile 1994, n. 348, con il quale è stato emanato
il regolamento recante disciplina del procedimento di riconoscimento delle denominazioni di
origine dei vini;
Visto il D.M. 27 marzo 2001, [n. 122], recante disposizioni modificative e integrative alla
normativa che disciplina il settore agricolo e forestale;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 8 agosto 1966, con il quale è stata riconosciuta la
denominazione di origine controllata dei vini «Trentino» ed il relativo disciplinare di produzione e
successive modifiche;
Vista la domanda presentata dal Consorzio vini del Trentino, intesa ad ottenere la modifica del
disciplinare di produzione dei vini a denominazione di origine controllata «Trentino»;
Visto il parere favorevole del Comitato nazionale per la tutela e la valorizzazione delle
denominazioni di origine e delle indicazioni geografiche tipiche dei vini sulla predetta domanda e
sulla proposta del relativo disciplinare di produzione della denominazione di origine controllata ai
vini «Trentino» pubblicato nella Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 154 del 3 luglio 2002;
Considerato che non sono pervenute, nei termini e nei modi previsti, istanze o controdeduzioni da
parte degli interessati in relazione al parere ed alla proposta di disciplinare di produzione sopra
citati;
Ritenuto pertanto necessario doversi procedere alla modifica del disciplinare di produzione dei vini
a denominazione di origine controllata «Trentino», in conformità al parere espresso dal Comitato
soprarichiamato;
Decreta:
1. 1. Il disciplinare di produzione dei vini a denominazione di origine controllata «Trentino» e
successive modifiche, è sostituito per intero dal testo annesso al presente decreto le cui misure
entrano in vigore a partire dalla vendemmia 2002.
2. 1. I soggetti che intendono porre in commercio, già a partire dalla vendemmia 2002, i vini a
denominazione di origine controllata «Trentino» accompagnata dall'appellativo «Superiore» e/o
dalla menzione inerente le sottozone «Sorni», «Isera» o «D'Isera» e «Ziresi» o «Dei Ziresi»
proveniente da vigneti non ancora iscritti al relativo albo, ma aventi base ampelografica conforme
alle disposizioni dell'annesso disciplinare di produzione, sono tenuti ad effettuare, ai sensi e per gli
effetti dell'art. 15 della legge 10 febbraio 1992, n. 164, recante norme relative all'albo dei vigneti ed
alla denuncia delle uve, la denuncia dei rispettivi terreni vitati, ai fini dell'iscrizione dei medesimi
all'apposito albo dei vigneti entro novanta giorni dalla data di pubblicazione del presente decreto
nella Gazzetta Ufficiale.
3. 1. I vigneti denunciati ai sensi del precedente art. 2, possono essere iscritti a titolo provvisorio,
solo per l'annata 2002, nell'albo previsto dall'art. 15 della legge 10 febbraio 1992, n. 164, se a
giudizio degli organi tecnici della provincia autonoma di Trento, le denunce risultino
sufficientemente attendibili, nel caso in cui la provincia stessa non abbia potuto effettuare, per
dichiarata impossibilità tecnica, gli accertamenti di idoneità previsti dalla normativa vigente.
4. 1. Per la produzione dei vini a denominazione di origine controllata «Trentino» accompagnata
dall'appellativo «Superiore» e/o dalla menzione inerente le sottozone «Sorni», «Isera» o «D'Isera» e
«Ziresi» o «Dei Ziresi», in deroga a quanto previsto dall'art. 2 dei rispettivi disciplinari di
produzione e fino a tre anni a partire dalla data di entrata in vigore del medesimo, possono essere
iscritti a titolo transitorio, nell'albo previsto dall'art. 15 della legge 10 febbraio 1992, n. 164, i
vigneti in cui siano presenti viti di vitigni in percentuali diverse da quelle indicate nel sopracitato
art. 2, purché non superino del 20% il totale delle viti dei vitigni previsti per la produzione dei citati
vini. La deroga di cui sopra non si applica, ai sensi dell'art. 5 del regolamento (CE), paragrafo 1,
lettera 2, secondo trattino, alle tipologie che prevedono l'utilizzo del monovitigno per un minimo
dell'85% .
2. Allo scadere del predetto periodo transitorio, i vigneti di cui al comma precedente saranno
cancellati d'ufficio dal rispettivo albo, qualora i produttori interessati non abbiano provveduto ad
apportare a detti vigneti le modifiche necessarie per uniformare la loro composizione ampelografica
alle disposizioni di cui all'art. 2 degli allegati disciplinari di produzione, dandone comunicazione al
competente ufficio dell'Assessorato provinciale all'agricoltura.
5. 1. Chiunque produce, vende, pone in vendita o comunque distribuisce per il consumo vini con la
denominazione di origine controllata «Trentino» e «Trentino», accompagnati dall'appellativo
«Superiore» e/o dalla menzione inerente le sottozone «Sorni», «Isera» o «D'Isera» e «Ziresi» o «Dei
Ziresi», è tenuto, a norma di legge, all'osservanza delle condizioni e dei requisiti stabiliti
nell'annesso disciplinare.
Allegato
TITOLO I
Disciplinare di produzione dei vini D.O.C. «Trentino».
Articolo 1
La denominazione di origine controllata «Trentino» è riservata ai vini che rispondono alle
condizioni ed ai requisiti stabiliti nel disciplinare di produzione di cui al titolo I.
La denominazione di origine controllata «Trentino», accompagnata dall'appellativo «Superiore», è
riservata ai vini che rispondono alle condizioni ed ai requisiti stabiliti nel disciplinare di produzione
di cui al titolo II.
Le sottozone sono regolamentate negli allegati in calce al presente disciplinare e costituiscono parte
integrante dello stesso.
Articolo 2
La denominazione di origine controllata «Trentino» bianco, rosso e kretzer, o rosato è riservata ai
vini ottenuti dalle uve provenienti dai vigneti iscritti nei corrispondenti albi, composti dai seguenti
vitigni rispettivamente a bacca di colore bianco e rosso, raccomandati e/o autorizzati per la
provincia autonoma di Trento:
Bianco:
Chardonnay e/o Pinot bianco minimo 80%; Sauvignon, Müller Thurgau, Manzoni bianco, da soli o
congiuntamente, in percentuale non superiore al 20%;
Rosso:
Cabernet franc e/o Cabernet Sauvignon da soli o congiuntamente e Merlot;
Kretzer o Rosato:
Enantio e/o Schiava e/o Teroldego e/o Lagrein, almeno in coppia, presenti ciascuno in misura non
superiore al 70%.
La denominazione di origine controllata «Trentino» con la specificazione di uno dei seguenti
vitigni:
a frutto bianco:
Chardonnay;
Moscato giallo;
Müller Thurgau;
Nosiola;
Pinot bianco;
Pinot grigio;
Riesling italico;
Riesling (renano);
Sauvignon;
Traminer aromatico;
a frutto rosso:
Moscato rosa (localmente detto delle rose);
Cabernet;
Cabernet franc;
Cabernet Sauvignon;
Lagrein (rubino o rosato);
Marzemino;
Merlot;
Pinot nero;
Rebo,
è riservata ai vini ottenuti per almeno l'85% dal corrispondente vitigno; possono concorrere per il
restante 15% uve di colore analogo, appartenenti alla medesima denominazione «Trentino», con
esclusione delle varietà Moscato rosa, Moscato giallo e Traminer aromatico.
La denominazione di origine controllata «Trentino» Vino Santo è riservata al vino ottenuto da uve
della varietà di vite Nosiola per almeno l'85%.
La vinificazione delle uve destinate alla produzione del «Trentino» Vino Santo deve avvenire dopo
che le stesse siano state sottoposte ad appassimento su graticci con i tradizionali metodi naturali,
onde assicurare al vino derivato un titolo alcolometrico volumico naturale complessivo minimo non
inferiore al 16%.
Tale vino può essere immesso al consumo a decorrere dal 1° novembre del terzo anno successivo a
quello di produzione delle uve.
La denominazione di origine controllata «Trentino» con la specificazione di due vitigni, è riservata
al vino ottenuto dal taglio di mosti o vini, di colore analogo, delle varietà di vite di seguito elencate:
a frutto bianco:
Chardonnay;
Pinot bianco;
Pinot grigio;
Sauvignon;
a frutto rosso:
Cabernet (franc o Sauvignon);
Merlot;
Lagrein.
Il vino così ottenuto deve derivare integralmente dai due vitigni indicati.
La varietà che concorre in misura minore deve rappresentare almeno il 25% del totale e nella
designazione e presentazione del prodotto la sua indicazione deve seguire il nome della varietà
prevalente.
Articolo 3
Le uve destinate alla produzione di vini a denominazione di origine controllata «Trentino» e
«Trentino» Superiore devono essere prodotte nei vigneti ubicati nei terreni ricadenti nei comuni
amministrativi di: Ala, Albiano, Aldeno, Arco, Avio, Besenello, Bleggio inferiore, Bleggio
superiore, Borgo Valsugana, Brentonico, Calavino, Caldonazzo, Calliano, Carzano, Castelnuovo,
Cavedine, Cembra, Cimone, Civezzano, Dorsino, Drena, Dro, Faedo, Faver, Garniga, Giovo,
Grumes, Isera, Ivano Fracena, Lasino, Lavis, Levico, Lisignago, Mezzocorona, Mezzolombardo,
Mori, Nago-Torbole, Nave S. Rocco, Nogaredo, Nomi, Novaledo, Ospedaletto, Padergnone,
Pergine, Pomarolo, Riva del Garda, Roncegno, Roverè della Luna, Rovereto, S. Michele all'Adige,
Scurelle, Segonzano, Spera, Stenico, Storo, Strigno, Telve, Telve di sopra, Tenna, Tenno, Terlago,
Terragnolo, Ton, Trambileno, Trento, Valda, Vallarsa, Vezzano, Villa Agnedo, Villa Lagarina,
Volano, Zambana nella provincia autonoma di Trento.
Le uve destinate alla produzione del «Trentino» Vino Santo debbono essere prodotte nei territori
amministrativi dei comuni di: Arco, Calavino, Cavedine, Drena, Dro, Lasino, Nago-Torbole,
Padergnone, Riva del Garda, Tenno e Vezzano.
Le uve destinate alla produzione del vino a denominazione di origine controllata «Trentino»
Marzemino debbono essere prodotte nei territori amministrativi dei comuni di: Ala, Aldeno, Avio,
Besenello, Calliano, Isera, Mori, Nogaredo, Nomi, Pomarolo, Rovereto, Villa Lagarina, Volano.
Articolo 4
Le condizioni ambientali e di coltura dei vigneti destinati alla produzione dei vini di cui all'art. 2
devono essere quelle tradizionali della zona di produzione e, comunque, atte a conferire alle uve ed
ai vini derivati le loro specifiche caratteristiche di qualità.
Sono pertanto da considerarsi idonei ai fini della iscrizione all'albo previsto dall'art. 5 della legge 10
febbraio 1992, n. 164, unicamente i vigneti ubicati in terreni di favorevole giacitura, esposizione ed
altitudine.
I sesti d'impianto, le forme di allevamento, i sistemi di potatura e le pratiche colturali devono essere
quelli generalmente usati e, comunque, atti a non modificare le caratteristiche delle uve e del vino.
È vietata ogni pratica di forzatura; è tuttavia ammessa l'irrigazione come pratica di soccorso.
Per i nuovi impianti ed i reimpianti è previsto un numero minimo di 2.500 ceppi per ettaro.
La produzione massima di uva per ettaro di vigneto a coltura specializzata non deve superare i limiti
di seguito indicati per ciascuna varietà di vite e deve inoltre assicurare, per ogni tipologia di vino i
titoli alcolometrici volumici minimi naturali come appresso indicati:
Produzione massima vino
DOC per ettaro
(ettolitri)
Produzione massima uva
per Ettaro
(tonnellate)
Titolo alcolom. Volumico
minimo naturale
(% vol.)
Trentino bianco 105 15 10,5
Trentino rosso 98 14 10,5
Trentino kretzer o rosato 105 15 10,0
Trentino Chardonnay 105 15 10,5
Trentino moscato giallo 84 12 10,5
Trentino moscato rosa 48 8 15,0
Trentino Müller Thurgau 98 14 10,0
Trentino Nosiola 98 14 10,0
Trentino Pinot bianco 105 15 10,5
Trentino Pinot grigio 98 14 10,5
Trentino Riesling italico 105 15 10,5
Trentino Riesling (renano) 98 14 10,5
Trentino Traminer aromatico 98 14 11,0
Trentino Sauvignon 98 14 10,5
Trentino Cabernet 91 13 10,5
Trentino Cabernet franc 91 13 10,5
Trentino Cabernet Sauvignon 91 13 10,5
Trentino Lagrein 98 14 10,5
Trentino Marzemino 91 13 10,5
Trentino Merlot 105 15 10,5
Trentino Pinot nero 84 12 11,0
Trentino Rebo 98 14 10,5
Trentino Vino Santo 42 14 16,0
Su detti limiti di resa di uva ad ettaro è ammessa una tolleranza massima del 20% non avente diritto
alla denominazione di origine controllata. L'eventuale superamento del limite del 20% sopra
indicato comporta la rinuncia alla denominazione di origine controllata per l'intera partita.
La provincia autonoma di Trento, con proprio decreto, sentito il Consorzio di tutela dei vini del
Trentino, di anno in anno, prima della vendemmia, può modificare i limiti massimi di produzione di
uva per ettaro ed il titolo alcolometrico volumico minimo naturale delle uve sopra indicate.
Articolo 5
Le operazioni di vinificazione devono essere effettuate all'interno del territorio della provincia di
Trento.
È in facoltà del Ministero delle politiche agricole e forestali - Comitato nazionale per la tutela e la
valorizzazione delle denominazioni di origine e delle indicazioni geografiche tipiche dei vini, su
richiesta delle ditte interessate, consentire che la vinificazione possa avvenire anche nella provincia
di Bolzano e nei comuni di Brentino Belluno e Dolcè in provincia di Verona, purché tali ditte
dimostrino che la suddetta pratica sia di uso tradizionale e costante.
Nella vinificazione sono ammesse soltanto le pratiche enologiche leali e costanti, atte a conferire ai
vini le loro peculiari caratteristiche.
È consentita l'aggiunta di mosti o vini di colore analogo, esclusi quelli ottenuti dalle varietà
Moscato rosa, Moscato giallo e Traminer aromatico, anche di annate diverse, appartenenti alla
medesima denominazione «Trentino», nel limite massimo del 15% comprensivo delle eventuali
aggiunte di uve previste nell'art. 2.
Le operazioni di aumento del titolo alcolometrico volumico naturale sono consentite secondo le
vigenti norme comunitarie e nazionali con esclusione della tipologia Moscato rosa.
La resa massima dell'uva in vino finito non deve essere superiore al:
30% per il Trentino Vino Santo;
60% per il Trentino moscato rosa;
70% per le rimanenti tipologie di prodotto.
Qualora la resa superi i detti limiti, ma non oltre, rispettivamente, il 35%, il 65% e il 75%,
l'eccedenza non ha diritto alla denominazione di origine controllata; oltre questi limiti decade il
diritto alla denominazione di origine controllata per tutto il prodotto.
Il vino a denominazione di origine controllata «Trentino» Lagrein può essere designato o presentato
con la specificazione del colore rubino (o dunkel), oppure rosato (o kretzer), in relazione al tipo di
prodotto ottenuto dalla vinificazione.
Articolo 6
I vini a denominazione di origine controllata «Trentino» all'atto della loro immissione al consumo
devono rispondere alle seguenti caratteristiche:
Bianco:
colore: giallo paglierino;
odore: gradevole, fine;
sapore: asciutto, pieno, armonico, caratteristico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11,00% vol.;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto secco netto minimo: 16,0 g/l;
Rosso:
colore: rosso rubino intenso;
odore: gradevole, etereo;
sapore: secco, pieno, armonico, lievemente tannico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11,50% vol.;
acidità totale minima: 4,0 g/l;
estratto secco netto minimo: 22,0 g/l;
Kretzer o rosato:
colore: rosato, rubino, chiaro;
odore: delicato, gradevole;
sapore: fresco, morbido, armonico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11,00% vol.;
acidità totale minima: 4,0 g/l;
estratto secco netto minimo: 17,0 g/l;
Chardonnay:
colore: giallo paglierino;
odore: delicato, gradevole, caratteristico;
sapore: secco, armonico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11,00% vol.;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto secco netto minimo: 16,0 g/l;
Moscato giallo:
colore: giallo paglierino, talvolta dorato;
odore: aromatico, caratteristico;
sapore: delicato di moscato, talvolta dolce e alcolico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11,00% vol.;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto secco netto minimo: 17,0 g/l;
Moscato rosa (o delle rose):
colore: da cerasuolo a rosso rubino;
odore: delicato, gradevole, speziato;
sapore: dolce, pieno, gradevole, talvolta alcolico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 15,00% vol.;
acidità totale minima: 5,0 g/l;
estratto secco netto minimo: 23,0 g/l;
Müller Thurgau:
colore: giallo paglierino con riflessi verdolini;
odore: delicato, lievemente aromatico;
sapore: asciutto, fresco, fruttato, armonico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11,00% vol.;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto secco netto minimo: 16,0 g/l;
Nosiola:
colore: giallo paglierino;
odore: delicato, caratteristico;
sapore: secco, sapido, lievemente amarognolo;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 10,50% vol.;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto secco netto minimo: 16,0 g/l;
Pinot bianco:
colore: giallo paglierino;
odore: delicato, fine, caratteristico;
sapore: secco, lievemente amarognolo, armonico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11,00% vol.;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto secco netto minimo: 16,0 g/l;
Pinot grigio:
colore: giallo paglierino, oppure ramato;
odore: gradevole, caratteristico;
sapore: asciutto, pieno, armonico, caratteristico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11,00% vol.;
acidità totale minima: 4,0 g/l;
estratto secco netto minimo: 16,0 g/l;
Riesling italico:
colore: giallo paglierino chiaro, verdolino;
odore: gradevole, caratteristico;
sapore: secco, piacevolmente acidulo, fruttato;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 10,50% vol.;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto secco netto minimo: 16,0 g/l;
Riesling (renano):
colore: giallo paglierino tendente al verdognolo;
odore: delicato con aroma caratteristico;
sapore: asciutto, piacevolmente acidulo;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11,00% vol.;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto secco netto minimo: 17,0 g/l;
Sauvignon:
colore: giallo paglierino tendente al verdognolo;
odore: gradevole, caratteristico;
sapore: asciutto, sapido, con aroma caratteristico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11,00% vol.;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto secco netto minimo: 17,0 g/l;
Traminer aromatico:
colore: giallo paglierino tendente al dorato;
odore: aromatico, intenso, caratteristico;
sapore: asciutto o abboccato, aromatico, fine, delicato, caratteristico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11,50 % vol;
acidità totale minima: 4,0 g/l;
estratto secco netto minimo: 17,0 g/l;
Bianco da due varietà di vite:
colore: giallo paglierino;
odore: gradevole, fine;
sapore: asciutto, pieno, armonico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11,00% vol.;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto secco netto minimo: 17,0 g/l;
Cabernet:
colore: rosso rubino intenso;
odore: leggermente erbaceo, etereo;
sapore: asciutto, pieno, lievemente tannico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11,00% vol.;
acidità totale minima: 4,0 g/l;
estratto secco netto minimo: 22,0 g/l;
Cabernet franc:
colore: rosso rubino intenso;
odore: gradevolmente erbaceo, etereo;
sapore: secco, armonico, pieno;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11,00% vol.;
acidità totale minima: 4,0 g/l;
estratto secco netto minimo: 22,0 g/l;
Cabernet Sauvignon:
colore: rosso rubino;
odore: etereo, gradevole, leggermente erbaceo;
sapore: secco, armonico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11,00% vol.;
acidità totale minima: 4,0 g/l;
estratto secco netto minimo: 22,0 g/l;
Lagrein:
colore: rosato chiaro (kretzer) o rubino (dunkel);
odore: fruttato, caratteristico;
sapore: asciutto, vellutato, gradevole;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11,00% vol.;
acidità totale minima: 4,0 g/l;
estratto secco netto minimo: 20,0 g/l (rubino/dunkel), 19,0 g/l (rosato/kretzer);
Marzemino:
colore: rosso rubino;
odore: caratteristico ed accentuato;
sapore: secco, pieno, gradevole;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11,00% vol.;
acidità totale minima: 4,0 g/l;
estratto secco netto minimo: 20,0 g/l;
Merlot:
colore: rosso rubino;
odore: caratteristico ed accentuato;
sapore: secco, pieno, gradevole;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11,00% vol.;
acidità totale minima: 4,0 g/l;
estratto secco netto minimo: 22,0 g/l;
Pinot nero:
colore: rosso rubino più o meno intenso;
odore: delicato, gradevole, caratteristico;
sapore: secco, pieno, piacevolmente amarognolo;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11,50% vol.;
acidità totale minima: 4,0 g/l;
estratto secco netto minimo: 21,0 g/l;
Rebo:
colore: rosso rubino;
odore: gradevole ed accentuato;
sapore: secco, gradevole, armonico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11,00% vol.;
acidità totale minima: 4,0 g/l;
estratto secco netto minimo: 20,0 g/l;
Vino Santo:
colore: giallo dorato tendente all'ambrato;
odore: gradevole, armonico, fine, delicato;
sapore: piacevolmente dolce, di passito;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 16,00% vol di cui almeno 10,00% vo. svolti;
acidità totale minima: 6,0 g/l;
estratto secco netto minimo: 22,5 g/l;
Rosso da due varietà di vite:
colore: rosso rubino;
odore: etereo, gradevole, caratteristico;
sapore: secco, pieno, armonico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11,00% vol.;
acidità totale minima: 4,0 g/l;
estratto secco netto minimo: 22,0 g/l.
Qualora vinificati o invecchiati in botti di legno, i vini, sia bianchi che rossi, possono presentare il
caratteristico sentore di legno.
È in facoltà del Ministero delle politiche agricole e forestali - Comitato nazionale per la tutela e la
valorizzazione delle denominazione di origine e delle indicazioni geografiche tipiche dei vini, di
modificare con proprio decreto i limiti minimi per l'acidità totale e l'estratto secco netto minimo.
Articolo 7
La denominazione di origine controllata «Trentino» con la specificazione della varietà di vitigno
Moscato giallo e Moscato rosa può essere utilizzata per designare il vino liquoroso ottenuto da
mosto di uve o da vino proveniente dalle uve della corrispondente varietà di vite ed avente titolo
alcolometrico volumico naturale complessivo minimo almeno, del 10,5%, ferme restando le altre
condizioni previste dal presente disciplinare di produzione.
Le operazioni di elaborazione per la produzione del vino liquoroso devono essere effettuate in
stabilimenti siti nella zona di vinificazione di cui al precedente art. 5.
Articolo 8
I vini a denominazione di origine controllata «Trentino»: bianco, rosso, Chardonnay, Pinot bianco,
Pinot grigio, Riesling (renano), Sauvignon, Cabernet, Cabernet franc, Cabernet Sauvignon, Merlot,
Pinot nero, Lagrein e Marzemino provenienti da uve che assicurino un titolo alcolometrico
volumico naturale complessivo minimo dello 0,5% superiore a quello previsto dal precedente art. 5
e siano ammessi al consumo con un titolo alcolometrico volumico naturale complessivo minimo
dello 0,5% superiore a quello previsto dal precedente art. 6, possono riportare in etichetta la
menzione «riserva», qualora abbiano superato un periodo di invecchiamento di almeno un anno per
i vini bianchi e di due anni per i vini rossi.
Il periodo di invecchiamento per i vini di cui sopra decorre dal 1° novembre dell'annata di
produzione delle uve.
Per tutti i vini recanti la menzione «riserva» è obbligatorio riportare nell'etichettatura l'indicazione
dell'annata di produzione delle uve.
I vini a denominazione di origine controllata «Trentino» rosso, Cabernet, Cabernet franc, Cabernet
Sauvignon, Merlot, Pinot nero e Lagrein (rubino) possono essere immessi al consumo a decorrere
dal 1° marzo dell'anno successivo a quello della raccolta delle uve.
Articolo 9
I vini a denominazione di origine controllata «Trentino» devono essere immessi al consumo in
bottiglie di vetro di forma «bordolese» o «renana» o «borgognotta» o «champagnotta» di capacità
non superiore a litri 5 senza alcun vincolo colorimetrico.
L'abbigliamento delle bottiglie deve essere quello di uso tradizionale e comunque consono ai
caratteri di un vino di qualità con chiusura costituita da tappo di sughero o da tappo a raso bocca in
sostanza inerte.
La chiusura con tappo a vite è ammessa unicamente per le bottiglie di contenuto non superiore a
0,375 litri.
I vini a denominazione di origine controllata «Trentino» Moscato giallo e Moscato rosa, anche della
tipologia «liquoroso», possono essere immessi al consumo nelle caratteristiche e tradizionali
bottiglie ad anforetta di tipo analogo alla «Bocksbeutel».
Articolo 10
Per i prodotti derivanti dalle superfici vitate iscritte agli albi dei vigneti dei vini a denominazione di
origine controllata «Trentino» è consentita la scelta vendemmiale tra le denominazioni: «Trento»,
«Valdadige», «Casteller» e «Caldaro» qualora fra loro compatibili in base alla coincidenza
territoriale ed alla composizione varietale dei vigneti.
I produttori interessati hanno facoltà di optare per le denominazioni su indicate a condizione che
vengano rispettate le prescrizioni contenute nelle norme vigenti.
Articolo 11
È consentito utilizzare indicazioni geografiche o toponomastiche aggiuntive che facciano
riferimento a unità amministrative, frazioni, località, dalle quali effettivamente provengano le uve
da cui il vino così qualificato è stato ottenuto, alle condizioni previste dai decreti ministeriali 22
aprile 1992.
Nell'etichettatura dei vini «Trentino» è ammessa la menzione «vigna» purché il prodotto così
designato provenga dalla superficie vitata corrispondente al toponimo indicato e siano osservate le
condizioni di cui alle norme vigenti.
Articolo 12
Alla denominazione di origine controllata «Trentino» è vietata l'aggiunta di qualsiasi qualificazione
aggiuntiva diversa da quelle previste nel presente disciplinare, ivi compresi gli aggettivi «extra»,
«fine», «selezionato», «vecchio» e similari.
È consentito l'uso di indicazioni che facciano riferimento a nomi, ragioni sociali, marchi privati,
purché non abbiano significato laudativo e non siano tali da trarre in inganno il consumatore.
TITOLO II
Disciplinare di produzione dei vini a D.O.C. «Trentino» Superiore.
Articolo 13
La denominazione di origine controllata «Trentino» accompagnata dall'appellativo Superiore è
riservata ai vini delle tipologie:
bianco:
Chardonnay;
Pinot bianco;
Pinot grigio;
Nosiola;
Müller Thurgau;
Sauvignon;
Riesling;
Traminer aromatico;
Moscato giallo;
Vino Santo;
Vendemmia tardiva;
rosso:
Cabernet franc;
Cabernet Sauvignon;
Cabernet (Cabernet franc e/o Cabernet Sauvignon);
Merlot;
Lagrein;
Marzemino;
Pinot nero;
Moscato rosa (localmente detto delle rose);
Rebo,
che rispondono alle condizioni e ai requisiti stabiliti negli articoli successivi.
Di seguito la denominazione di origine controllata «Trentino» accompagnata dall'appellativo
«Superiore», sarà indicata con l'espressione «Trentino» Superiore.
Articolo 14
I vini «Trentino» Superiore che non recano l'indicazione del vitigno devono essere ottenuti dalle
seguenti varietà di vite derivati dalle uve dei vitigni rispettivamente a bacca di colore bianco e rosso
raccomandati e autorizzati per la provincia autonoma di Trento e previsti nei corrispondenti albi dei
vigneti delle zone di produzione di cui al presente disciplinare:
Bianco:
Chardonnay e/o Pinot bianco e/o Pinot grigio per almeno l'85%, possono concorrere per il
rimanente 15% i vitigni Manzoni bianco, Riesling, Sauvignon, Traminer aromatico da soli o
congiuntamente;
Rosso:
Cabernet franc e/o Cabernet Sauvignon e/o Merlot per almeno l'85%, possono concorrere per il
rimanente 15% i vitigni Lagrein e Rebo da soli o congiuntamente;
Vino Santo:
Nosiola per almeno l'85%; possono concorrere per l'eventuale differenza altre varietà a frutto
bianco, di cui all'art. 13, ad eccezione del Traminer aromatico e del Moscato giallo.
I vini «Trentino Superiore» con la specificazione di uno dei vitigni di cui all'art. 13 devono essere
ottenuti per almeno l'85% dal corrispondente vitigno; possono concorrere per il rimanente 15% uve,
mosti o vini di varietà di vite di colore analogo, indicate all'art. 13, appartenenti alla «Trentino»
Superiore, ad eccezione dei vitigni Traminer aromatico, Moscato giallo e Moscato rosa.
Articolo 15
La zona di produzione dei vini «Trentino» Superiore è quella indicata all'art. 3 del disciplinare di
produzione dei vini a denominazione di origine controllata «Trentino».
I vigneti idonei alla produzione dei vini «Trentino» Superiore devono rispondere ai seguenti
requisiti previsti per le corrispondenti varietà di vite:
Chardonnay e Pinot bianco: terreni alluvionali ben drenati, terreni alle pendici della montagna o di
media collina limitatamente alle zone meno precoci; per le pendici delle montagne e la collina
medio-alta, comprese tra i 250 ed i 500 m s.l.m., limitatamente alle zone con buona esposizione.
Pinot grigio: terreni di fondovalle o sulle pendici dei monti o su terreni di media collina posti ad
un'altitudine non superiore ai 450 m s.l.m.
Moscato giallo: zone pedemontane o sulle pendici dei monti o collinari ben esposte, inferiori ai 350
m di quota.
Nosiola: zone pedemontane o sulle pendici dei monti o collinari ben esposte, inferiori ai 500 m di
quota.
Müller Thurgau: terreni sulle pendici dei monti o collinari dotati di esposizione ottimale, posti ad
un'altitudine non inferiore a 350 m s.l.m.
Sauvignon: zone pedemontane o sulle pendici delle montagne o collinari dotate di buona
esposizione, poste ad un'altitudine inferiore ai 500 m s.l.m.
Riesling (renano): zone pedemontane o sulle pendici dei monti o collinari dotate di buona
esposizione non superiori ai 500 m s.l.m.
Traminer aromatico: zone pedemontane o sulle pendici dei monti o collinari ben esposte non
superiori ai 450 m s.l.m.
Cabernet Sauvignon e Cabernet franc: zone precoci pedemontane o di collina inferiori ai 300 metri
d'altitudine, ben esposte e in terreni strutturati.
Merlot e Rebo: terreni alluvionali ben drenati, zone pedemontane o sulle pendici dei monti o
collinari inferiori ai 350 m s.l.m.
Lagrein: terreni alluvionali ben drenati o sulle pendici dei monti o colline ben esposte, in terreni
sciolti e ad un'altitudine non superiore ai 400 m s.l.m.
Marzemino: terreni alluvionali ben drenati, zone pedemontane o sulle pendici dei monti o collinari
inferiori ai 380 m s.l.m.
Pinot nero: nelle aree pedemontane o di collina limitatamente alle zone meno precoci; per le
pendici dei monti e le colline, comprese tra i 250 e 500 m s.l.m., limitatamente alle zone con buona
esposizione; oltre i 500 metri di quota nei soli versanti esposti a sud.
Moscato rosa: nelle zone pedemontane, sulle pendici dei monti o collinari ben esposte, inferiori ai
600 m s.l.m.
La zona di produzione del vino «Trentino» Superiore Vino Santo è limitata ai vigneti ubicati nelle
posizioni vocate rientranti nei comuni di: Calavino, Cavedine, Lasino, Padergnone, Vezzano in
provincia di Trento.
Articolo 16
Le condizioni ambientali e di coltura dei vigneti destinati alla produzione dei vini «Trentino»
Superiore devono essere atte a conferire alle uve e ai vini derivati le specifiche caratteristiche di
qualità previste dal presente disciplinare di produzione.
I sesti di impianto, le forme di allevamento (a pergola o a parete verticale) e i sistemi di potatura
devono essere quelli generalmente in uso nella zona di produzione o, comunque, atti ad assicurare
alle uve e ai vini le loro peculiari caratteristiche qualitative.
Nei nuovi impianti e nei reimpianti deve essere data preferenza all'introduzione di forme di
allevamento a parete verticale con una densità minima di 4.000 ceppi per ettaro; nei casi in cui
sussistono fondate motivazioni tecniche, può essere mantenuta la tradizionale forma di allevamento
a pergola semplice con una densità minima di 3.500 ceppi per ettaro.
È vietata ogni pratica di forzatura; l'irrigazione è consentita come intervento di soccorso.
La produzione massima di uva e vino per ettaro di vigneto in coltura specializzata non deve
superare i limiti di seguito indicati per ciascuna varietà di vite o tipologia e deve inoltre assicurare i
titoli alcolometrici volumici minimi naturali appresso indicati:
Produzione massima
vino DOC per ettaro
(ettolitri)
Produzione massima
uva per Ettaro
(tonnellate)
Titolo alcolom. Volumico
minimo naturale
(% vol.)
Trentino Superiore bianco 70 10 11,5
Trentino Superiore rosso 63 9 11,5
Trentino Superiore Chardonnay 70 10 11,5
Trentino Superiore Pinot bianco 70 10 11,0
Trentino Superiore Pinot grigio 70 10 11,5
Trentino Superiore Nosiola 84 12 10,5
Trentino Superiore Müller Thurgau 84 12 10,5
Trentino Superiore Sauvignon 70 10 11,5
Trentino Superiore Riesling 70 10 11,0
Trentino Superiore Traminer aromatico 70 10 11,5
Trentino Superiore Moscato giallo 70 10 10,5
Trentino Superiore Vino Santo 36 12 18*
Trentino Superiore Cabernet franc 63 9 11,5
Trentino Superiore Cabernet Sauvignon 63 9 11,5
Trentino Superiore Cabernet 63 9 11,5
Trentino Superiore Merlot 63 9 11,5
Trentino Superiore Lagrein 63 9 11,5
Trentino Superiore Marzemino 70 10 11,5
Trentino Superiore Rebo 63 9 11,5
Trentino Superiore Pinot nero 56 8 11,5
Trentino Superiore Moscato rosa 36 6 15
* Titolo alcolometrico volumico minimo naturale delle uve dopo l'appassimento.
Su detti limiti di resa di uva ad ettaro è ammessa una tolleranza massima del 10% non avente diritto
all'appellativo «Superiore».
L'eventuale superamento dei limiti di resa sopra indicati, oppure il mancato raggiungimento della
prescritta gradazione zuccherina minima, comportano la rinuncia all'appellativo «Superiore» per
l'intera partita; ove ne sussistano le condizioni la produzione può tuttavia rientrare nella
denominazione di origine controllata «Trentino».
Le uve da porre ad appassimento per la produzione del vino «Trentino» Superiore Vino Santo
devono derivare, a seguito della tradizionale cernita dei grappoli operata nel vigneto, da superfici
iscritte all'Albo dei vigneti del vino «Trentino» Superiore Nosiola.
Il quantitativo massimo di uva da porre ad appassimento per la produzione del vino «Trentino»
Superiore Vino Santo non deve superare la produzione massima di 12 tonnellate di uva per ettaro;
gli eventuali quantitativi, entro la resa massima sopra indicata, non utilizzati per la produzione del
«Trentino» Superiore Vino Santo possono essere classificati «Trentino» Superiore Nosiola.
Articolo 17
Nella vinificazione sono ammesse soltanto le pratiche enologiche leali e costanti, atte a conferire ai
vini le loro peculiari caratteristiche.
La resa massima dell'uva in vino finito non deve essere superiore:
al 30% per il «Trentino» Superiore Vino Santo;
al 60% per il «Trentino» Superiore Moscato rosa;
al 70% per le rimanenti tipologie enologiche e di vitigno.
Qualora la resa superi detti limiti, ma non oltre il 5%, l'eccedenza non ha diritto all'appellativo
«Superiore», oltre questi limiti il diritto all'appellativo «Superiore» decade per tutto il prodotto.
La vinificazione delle uve destinate alla produzione del vino «Trentino» Superiore Vino Santo deve
avvenire dopo che le stesse siano state sottoposte ad appassimento sui graticci con i tradizionali
metodi naturali, da concludersi non prima del 1° marzo successivo alla raccolta. Nell'elaborazione
del «Trentino» Superiore Vino Santo non è ammessa la pratica enologica dell'aumento del titolo
alcolometrico volumico naturale. Le operazioni di appassimento, vinificazione e invecchiamento
obbligatorio del vino «Trentino» Superiore Vino Santo devono essere effettuate all'interno dei
comuni ricadenti nella zona di produzione delle uve delimitata all'art. 15, ultimo comma, del
presente disciplinare.
Le operazioni di vinificazione e di invecchiamento obbligatorio delle rimanenti tipologie dei vini
«Trentino» Superiore devono essere effettuate esclusivamente nell'intero territorio della provincia
di Trento.
Prima di essere immessi al consumo, i vini «Trentino» Superiore devono essere sottoposti ad un
periodo di invecchiamento di almeno:
4 mesi per i vini delle tipologie Müller Thurgau, Nosiola e Moscato giallo;
10 mesi per le tipologie Marzemino, Moscato rosa e per quelle designate con nomi di vitigni a frutto
bianco diversi di quelli di cui al punto precedente;
12 mesi per i vini delle tipologie: «bianco» e Pinot nero;
22 mesi per i vini delle tipologie «rosso», Cabernet franc, Cabernet Sauvignon, Cabernet, Merlot,
Lagrein e Rebo;
48 mesi per il Vino Santo.
Il periodo di invecchiamento di cui sopra decorre dal 1° novembre dell'anno di raccolta delle uve
per tutte le tipologie di prodotto ad eccezione del Vino Santo per il quale il periodo di
invecchiamento decorre dal 1° maggio dell'anno successivo alla raccolta.
È consentita l'aggiunta, a scopo migliorativo, di vini «Trentino» Superiore, di annate diverse da
quella indicata, nella misura massima del 15%.
Articolo 18
I vini «Trentino» Superiore, all'atto della loro immissione al consumo devono rispondere alle
seguenti caratteristiche:
Bianco:
colore: da giallo paglierino a giallo dorato, da bassa a medio-bassa intensità;
odore: gradevole, fine, talvolta lievemente aromatico e speziato;
sapore: asciutto, pieno, armonico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 12,50% vol.;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto secco netto minimo: 20,0 g/l;
Rosso:
colore: rosso rubino, da media ad alta intensità, tendente al granato con l'invecchiamento;
odore: gradevole, etereo;
sapore: secco, pieno, armonico, lievemente tannico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 12,50% vol.;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto secco netto minimo: 25,0 g/l;
Chardonnay:
colore: giallo paglierino, talvolta con riflessi verdi, da bassa a medio-bassa intensità;
odore: delicato, gradevole, fruttato-floreale, caratteristico;
sapore: secco, morbido, armonico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 12,50% vol.;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto secco netto minimo: 19,0 g/l;
Pinot bianco:
colore: giallo paglierino, talvolta con riflessi verdi, da bassa a medio-bassa intensità;
odore: delicato, fine, fruttato, leggermente speziato, caratteristico;
sapore: secco lievemente amarognolo, armonico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 12,50% vol.;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto secco netto minimo: 19,0 g/l;
Pinot grigio:
colore: giallo paglierino, talvolta con riflessi aranciati o ramato, da bassa a medio-bassa intensità;
odore: gradevole, caratteristico;
sapore: asciutto, pieno, armonico, caratteristico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 12,50% vol.;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto secco netto minimo: 19,0 g/l;
Nosiola:
colore: da giallo paglierino a giallo dorato, da bassa a medio-bassa intensità;
odore: delicato, fruttato-floreale, leggermente speziato, caratteristico;
sapore: secco, sapido, lievemente amarognolo;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 12,00% vol.;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto secco netto minimo: 19,0 g/l;
Müller Thurgau:
colore: da giallo paglierino a giallo dorato, da bassa a medio-bassa intensità;
odore: delicato, lievemente aromatico, talvolta con note vegetali;
sapore: asciutto, fresco, fruttato, armonico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 12,00% vol.;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto secco netto minimo: 19,0 g/l;
Sauvignon:
colore: da giallo paglierino a giallo dorato, da bassa a medio-bassa intensità;
odore: gradevole, caratteristico;
sapore: asciutto, sapido, con aroma caratteristico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 12,50% vol.;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto secco netto minimo: 19,0 g/l;
Riesling:
colore: da giallo paglierino a giallo dorato, da bassa a medio-bassa intensità;
odore: delicato, con aroma caratteristico;
sapore: asciutto, piacevolmente acidulo;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 12,00% vol.;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto secco netto minimo: 19,0 g/l;
Traminer aromatico:
colore: da giallo paglierino a giallo oro, di media intensità;
odore: aromatico, intenso, caratteristico, talvolta speziato;
sapore: asciutto o abboccato, aromatico, fine, delicato, caratteristico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 12,50% vol.;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto secco netto minimo: 19,0 g/l;
Moscato giallo:
colore: da giallo paglierino a giallo dorato, da bassa a medio-bassa intensità;
odore: aromatico, caratteristico, talvolta con leggere note vegetali;
sapore: delicato di moscato, talvolta dolce e alcolico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 12,00% vol.;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto secco netto minimo: 19,0 g/l;
Cabernet franc:
colore: rosso rubino, da media ad alta intensità, tendente al granato con l'invecchiamento;
odore: gradevolmente erbaceo, etereo;
sapore: secco, armonico, pieno;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 12,50% vol.;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto secco netto minimo: 25,0 g/l;
Cabernet Sauvignon:
colore: rosso rubino, da media ad alta intensità, tendente al granato con l'invecchiamento;
odore: etereo, gradevole, leggermente erbaceo;
sapore: secco, armonico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 12,50% vol.;
acidità totale minima: 4,5 per mille;
estratto secco netto minimo: 25,0 g/l;
Cabernet:
colore: rosso rubino, da media ad alta intensità, tendente al granato con l'invecchiamento;
odore: leggermente erbaceo, etereo;
sapore: asciutto, pieno, lievemente tannico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 12,50% vol.;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto secco netto minimo: 25,0 g/l;
Merlot:
colore: rosso rubino, da media ad alta intensità, tendente al granato con l'invecchiamento;
odore: caratteristico e accentuato;
sapore: secco, pieno, gradevole;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 12,50% vol.;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto secco netto minimo: 25,0 g/l;
Lagrein:
colore: rosso rubino con riflessi violacei, da media ad alta intensità;
odore: fruttato, caratteristico, talvolta appena vegetale e speziato;
sapore: asciutto, vellutato, gradevole;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 12,50% vol.;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto secco netto minimo: 25,0 g/l;
Marzemino:
colore: rosso rubino con riflessi violacei, da media ad alta intensità;
odore: caratteristico e accentuato, fruttato, talora appena vegetale;
sapore: secco, pieno, gradevole;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 12,50% vol.;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto secco netto minimo: 24,0 g/l;
Rebo:
colore: rosso rubino con riflessi violacei, da media ad alta intensità;
odore: fruttato, gradevole e accentuato;
sapore: secco, gradevole, armonico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 12,50% vol.;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto secco netto minimo: 25,0 g/l;
Pinot nero:
colore: rosso granato, talvolta con riflessi aranciati, da bassa a media intensità;
odore: delicato, gradevole, caratteristico;
sapore: secco, pieno, piacevolmente amarognolo;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 12,50% vol.;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto secco netto minimo: 24,0 g/l;
Moscato rosa (o delle rose):
colore: rosso granato, talvolta con riflessi aranciati, da bassa a media intensità;
odore: delicato, gradevole, aromatico;
sapore: dolce, pieno, gradevole, talvolta alcolico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 15,00% vol di cui almeno 11,00% vol. svolti;
acidità totale minima: 5,0 g/l;
estratto secco netto minimo: 23,0 g/l;
Vino Santo:
colore: da giallo ambrato intenso a bruno, talvolta con riflessi aranciati, da medio alta ad alta
intensità;
odore: gradevole, armonico, fine, delicato;
sapore: piacevolmente dolce, di passito;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 18,00 % vol di cui almeno 11,00% vol svolti;
acidità totale minima: 6,0 g/l;
estratto secco netto minimo: 26,0 g/l.
Qualora vinificati o invecchiati in recipienti di legno, i vini, sia bianchi che rossi, possono
presentare il caratteristico sentore di legno.
Articolo 19
La menzione «Trentino» Superiore vendemmia tardiva è riservata ai vini ottenuti dalle uve delle
varietà di vite: Chardonnay, Pinot bianco, Pinot grigio, Riesling, Müller Thurgau, Sauvignon,
Traminer aromatico, Nosiola, Moscato giallo, da sole o congiuntamente, o Moscato rosa, sottoposte
a parziale appassimento naturale sulla vite.
La menzione «vendemmia tardiva» con la specificazione facoltativa di uno dei vitigni sopra
elencati, è riservata ai vini ottenuti per almeno l'85% dal corrispondente vitigno.
Possono concorrere nella misura massima del 15% eventuali altre varietà di vite a frutto bianco
raccomandate o autorizzate per la provincia di Trento.
Ferme restando le rese ad ettaro previste nell'art. 16 della presente regolamentazione del «Trentino»
Superiore, le uve destinate all'ottenimento dei vini «Trentino» superiore vendemmia tardiva non
possono superare la resa di 50 ettolitri di vino ad ettaro e devono assicurare un contenuto
zuccherino minimo pari a 250 grammi/litro.
I vini «Trentino» Superiore vendemmia tardiva all'atto della immissione al consumo devono
presentare le seguenti caratteristiche:
colore: da giallo paglierino intenso a giallo oro, più o meno intenso, oppure rosso granato, talvolta
con riflessi aranciati, per il Moscato rosa (o delle rose);
odore: delicato, caratteristico, talora speziato;
sapore: amabile o dolce, pieno, armonico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: l5,00% vol. di cui almeno 11,00% vol. svolti;
acidità totale minima: 5 g/l;
estratto secco netto minimo: 23,0 g/l.
Per i vini del presente articolo non è ammessa l'aggiunta di mosti concentrati o mosti concentrati
rettificati. I vini Trentino Superiore vendemmia tardiva devono essere sottoposti ad un periodo di
affinamento di 12 mesi, decorrente dal 1° novembre dell'anno di raccolta.
Articolo 20
Al «Trentino» Superiore è vietata l'aggiunta di qualsiasi qualificazione diversa da quelle
espressamente previste nel presente disciplinare, ivi compresi gli aggettivi «extra», «fine», «scelto»,
«selezionato» e similari.
L'utilizzo di indicazioni geografiche o toponomastiche è consentito limitatamente ai nomi delle
sottozone riconosciute dal disciplinare di produzione dei vini a denominazione di origine controllata
«Trentino» e compatibilmente con quanto previsto dalla specifica regolamentazione delle singole
sottozone.
È consentita l'indicazione del termine «vigna» accompagnato dal relativo toponimo, purché il
prodotto così designato provenga esclusivamente dalla superficie vitata corrispondente ai sensi della
legge 10 febbraio 1992, n. 164.
Al vino «Trentino» Superiore è obbligatorio riportare l'indicazione dell'annata di produzione delle
uve.
Articolo 21
I vini «Trentino» Superiore devono essere immessi al consumo in bottiglie di vetro, di forma
tradizionale, di capacità non superiore a litri 5.
I vini Moscato giallo e Moscato rosa, anche della tipologia «vendemmia tardiva», possono essere
immessi al consumo nelle caratteristiche e tradizionali bottiglie ad anforetta di tipo analogo alla
«Bocksbeutel».
La chiusura deve essere costituita dal tappo a raso bocca in sughero.
Articolo 22
Per i prodotti derivanti dalle superfici vitate iscritte all'Albo dei vigneti della «Trentino» Superiore è
consentita la scelta vendemmiale e l'eventuale successiva scelta di cantina a favore delle
denominazioni di origine controllate o delle indicazioni geografiche tipiche riconosciute per la
provincia di Trento, ai sensi della legge 10 febbraio 1992, n. 164.
Ai fini della utilizzazione della «Trentino» Superiore le partite di vino devono essere sottoposte,
nella fase immediatamente precedente all'imbottigliamento, ad una analisi chimico fisica ed
organolettica secondo le norme vigenti.
Allegato 1
Sottozona «Sorni»
Articolo 1
La denominazione di origine controllata «Trentino» con la specificazione della sottozona «Sorni», è
riservata ai vini che rispondono alle condizioni e ai requisiti stabiliti dal presente allegato; per
quanto in esso non espressamente previsto si applicano le norme di cui al titolo I.
Articolo 2
La denominazione di origine controllata «Trentino» con la specificazione della sottozona «Sorni» è
riservata ai vini derivati dalle uve dei vitigni rispettivamente a bacca di colore bianco e rosso
raccomandati e autorizzati per la provincia autonoma di Trento e previsti nei corrispondenti albi dei
vigneti delle zone di produzione di cui al presente disciplinare:
bianco:
per i vini ottenuti dai vitigni Nosiola, Müller Thurgau, Silvaner verde, Pinot bianco, Pinot grigio e
Chardonnay, da soli o congiuntamente;
rosso:
per i vini ottenuti dai vitigni Teroldego, Schiava (Schiava gentile, Schiava grigia, Schiava grossa) e
Lagrein, da soli o congiuntamente.
Articolo 3
Le uve destinate alla produzione del vino a denominazione di origine controllata «Trentino» della
sottozona «Sorni» devono essere prodotte nella zona di produzione che comprende parte dei comuni
di Lavis (di cui la frazione Sorni), Giovo e San Michele all'Adige, siti in provincia di Trento.
Tale zona è così delimitata: partendo a nord dall'incrocio del confine comunale Lavis S. Michele
con la ferrovia del Brennero (quota 205), il limite prosegue verso sud, fino al km. 391 della strada
statale n. 12. Di qui, seguendo il fondale del torrente Tratta, risale verso est fino all'incrocio di
questo con la strada provinciale del vino. Poi, seguendo la strada comunale per il Maso Spon,
raggiunge in località «Ciaresara», il sentiero che collega i Masi «Tratta», «Clinga» e «Furli» (sul
lato est) fino al raccordo con la provinciale della Val di Cembra che percorre fino al km 1,100. Di
qui prosegue in discesa, lungo il confine comunale fino al torrente Avisio, per seguire lo stesso
verso nord-est fino alla quota di 275 da dove sale verso nord-ovest fino alla provinciale della Val di
Cembra e precisamente al km 3,500. Dal km 3,500 la linea di delimitazione, segue la strada
provinciale della Val di Cembra fino all'abitato di Mosana, indi in rettilineo, sale alla quota 561 alla
«Croce» deviando verso nord-est lungo la strada comunale, passa per i masi Roncador, Serci e
Fontanelle, indi seguendo il margine della foresta dei pini raggiunge, al «Cross Ross», la mulattiera
della «Vie Rosse» che segue verso nord toccando le quote 644, 694, 704, 688 e 619 e quindi fino al
confine comunale tra Giovo e S. Michele, che, scendendo verso la valle, segue fino al «Maso
Centofinestre».
Da tale punto la linea di delimitazione prosegue deviando verso sud sempre lungo il confine di
comune fino alla Valletta e da quota 400, raggiunge, a valle, verso ovest la quota 255, presso il
«Centro del Legno», indi deviando verso nord e poi verso ovest, raggiunge la vecchia sede della
nazionale del Brennero (ora strada provinciale) che percorre verso sud fino al confine comunale di
Lavis, fino a raggiungere quota 205, punto da dove la delimitazione ha avuto inizio.
Articolo 4
La produzione massima di uva per ettaro di vigneto a coltura specializzata non deve superare i limiti
di seguito indicati e deve inoltre assicurare i titoli alcolometrici volumici minimi naturali appresso
indicati:
Produzione max vino per ettaro
(tonn.)
Titolo alcolom. Volum.
Minimo naturale (% vol.)
Produzione max vino per ettaro
(hl)
«Trentino» Sorni bianco 14 10,5 98
«Trentino» Sorni rosso 14 10,5 98
Su detti limiti di resa in uva del vigneto è ammessa una tolleranza massima del 20% non avente
diritto alla denominazione di origine controllata.
Articolo 5
I vini a denominazione di origine controllata «Trentino» con la specificazione della sottozona
«Sorni», all'atto della loro immissione al consumo devono rispondere alle seguenti caratteristiche:
«Sorni» bianco:
colore: giallo paglierino con riflessi verdognoli;
odore: gradevole, delicato;
sapore: fresco, armonico, talvolta morbido;
titolo alcolometrico volumico minimo complessivo: 11,00% vol.;
acidità totale minima: 4,50 g/l
estratto secco netto minimo: 17,0 g/l;
«Sorni» rosso:
colore: rosso rubino;
odore: etereo, delicato;
sapore: secco, armonico;
titolo alcolometrico volumico minimo complessivo: 11,00% vol.;
acidità totale minima: 4,0 g/l
estratto secco netto minimo: 20,0 g/l.
Articolo 6
Nell'etichettatura dei vini di cui al presente allegato, l'indicazione del nome della sottozona «Sorni»,
seguita dall'indicazione della tipologia bianco o rosso, può essere sostituita, rispettivamente, dalle
diciture «Bianco dei Sorni» e «Rosso dei Sorni».
Allegato 2
Sottozona «Isera» o «d'Isera»
Articolo 1
La denominazione di origine controllata «Trentino» Marzemino accompagnata dall'appellativo
«Superiore» e con la specificazione della sottozona «Isera» o «d'Isera», è riservata al vino che
risponde alle condizioni e al requisiti stabiliti dal presente allegato; per quanto in esso non
espressamente previsto si applicano le norme di cui al titolo II.
Articolo 2
La denominazione di origine controllata «Trentino» Marzemino accompagnata dall'appellativo
«Superiore» e con la specificazione della sottozona «Isera» o «d'Isera», è riservata al vino ottenuto
dall'uva Marzemino gentile prodotta in vigneti ubicati nella zona delimitata nel successivo art. 3.
Possono concorrere alla produzione di detto vino, uve a bacca nera, di varietà di vite raccomandate
e/o autorizzate per la provincia di Trento, presenti nei vigneti in misura non superiore al 15% .
Articolo 3
Le uve destinate alla produzione del vino a denominazione di origine controllata «Trentino»
Marzemino accompagnata dall'appellativo «Superiore» e con la specificazione aggiuntiva della
sottozona «Isera» o «d'Isera» devono essere prodotte nella zona di produzione così delimitata:
partendo dal ponte sul fiume Adige, nel comune di Villa Lagarina, la delimitazione segue verso sud
la riva orografica destra del fiume Adige fino ad incrociare, in prossimità dell'abitato di Ravazzone,
il ponte della strada statale n. 240 di Loppio e di Val di Ledro, indi prosegue lungo la riva destra del
fiume Adige che lascia, dopo breve tratto, per percorre la strada interpoderale che sbocca sull'anzi
detta statale 240, a quota 191, nell'abitato di Ravazzone.
Da questo punto il confine segue la strada statale n. 240 in direzione dell'abitato di Mori fino alla
frazione di Molina, da dove la delimitazione piega verso nord e segue il limitare del bosco alle
pendici del Monte Albano e del Monte Camanghen passando per le quote 364, 291, 283, 365 e 380
e, includendo le località Foianeghe, Pradaglia, Brom, Maso del Gnac, raggiunge la sommità del
sovrastante terrazzamento naturale che segue, degradando, fino all'inizio dell'abitato di Reviano, da
dove il confine percorre la strada interpoderale dei Piazi in direzione dell'abitato di Marano,
comprende le località Piazi, San Rocco e Corè, aggira a monte l'abitato di Brancolino passando per
quota 191 e da questo punto, in linea retta, raggiunge la strada comunale che segue fino all'abitato
di Nogaredo.
Dall'abitato di Nogaredo la delimitazione segue la strada comunale che, passando per le quote 217,
198 e 177, si innesta alla strada provinciale n. 90, continua per questa fino all'incrocio a quota 179,
da dove gira a destra lungo la strada comunale che conduce al ponte sul fiume Adige in cui la
delimitazione è iniziata.
Articolo 4
Le condizioni ambientali e di coltura dei vigneti destinati alla produzione del vino di cui all'art. 1
devono essere quelle tradizionali della zona di produzione e, comunque, atte a conferire alle uve ed
al vino derivato le sue specifiche caratteristiche di qualità.
Per i nuovi impianti e i reimpianti è previsto un numero minimo di 3.500 ceppi per ettaro.
La produzione massima di uva per ettaro in coltura specializzata non deve superare i limiti di
seguito indicati e deve inoltre assicurare il titolo alcolometrico volumico minimo naturale appresso
indicato:
Produzione max uva per
ettaro (tonn.)
Titolo alcolom. volum.
minimo naturale (% vol.)
Produzione max vino per
ettaro (hl)
«Trentino» Marzemino
Superiore d'Isera 9 11,5 63
Su detto limite di resa in uva del vigneto è ammessa una tolleranza massima del 20% non avente
diritto alla denominazione di origine controllata.
Articolo 5
Le operazioni di vinificazione e invecchiamento obbligatorio del vino a denominazione di origine
controllata «Trentino» Marzemino accompagnata dall'appellativo «Superiore» e con la
specificazione della sottozona «Isera» o «d'Isera» devono essere effettuate all'interno del territorio
della provincia di Trento.
Articolo 6
Il vino a denominazione di origine controllata «Trentino» Marzemino accompagnata
dall'appellativo «Superiore» e con la specificazione della sottozona «Isera» o «d'Isera», all'atto
dell'immissione al consumo deve rispondere alle seguenti caratteristiche:
colore: rosso rubino;
odore: caratteristico;
sapore: secco, pieno e gradevole;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 12,50% vol.;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto secco netto minimo: 24,0 g/l.
Articolo 7
Nell'etichettatura del vino a denominazione di origine controllata «Trentino» Marzemino
accompagnata dall'appellativo «Superiore» e con la specificazione della sottozona «Isera» o
«d'Isera» è ammessa la menzione «vigna», purché il prodotto così designato provenga dalla
superficie vitata corrispondente al toponimo indicato e siano osservate le condizioni di cui alle
norme vigenti.
Allegato 3
Sottozona «Ziresi» o «dei Ziresi»
Articolo 1
La denominazione di origine controllata «Trentino» Marzemino accompagnata dall'appellativo
«Superiore» e con la specificazione della sottozona «Ziresi» o «dei Ziresi», è riservata al vino che
risponde alle condizioni e ai requisiti stabiliti dal presente allegato; per quanto in esso non
espressamente previsto si applicano le norme di cui al titolo II.
Articolo 2
La denominazione di origine controllata «Trentino» Marzemino accompagnata dall'appellativo
«Superiore» e con la specificazione della sottozona «Ziresi» o «dei Ziresi» è riservata al vino
ottenuto dall'uva Marzemino gentile prodotta in vigneti ubicati nella zona delimitata nel successivo
art. 3.
Possono concorrere alla produzione di detto vino, uve a bacca nera, di varietà di vite raccomandate
e/o autorizzate per la provincia di Trento, presenti nei vigneti in misura non superiore al 15%.
Articolo 3
Le uve destinate alla produzione del vino a denominazione di origine controllata «Trentino»
Marzemino accompagnata dall'appellativo «Superioire» e con l'indicazione aggiuntiva della
sottozona «Ziresi» o «dei Ziresi» devono essere prodotte esclusivamente nella zona così delimitata:
partendo dal km 359 della strada statale n. 12 dell'Abetone e del Brennero presso l'abitato di
Volano, la delimitazione segue la strada statale fino a incrociare, poco prima del km 360, la strada
che sale alla località S. Antonio; seguita questa per breve tratto, in prossimità della quota 177.1, la
delimitazione segue il margine del bosco in direzione est fino a quota 175.8 e da questa in linea
retta raggiunge quota 177.9, escludendo però la superficie (circa 2 ettari) interessata a bonifica con
terreno di riporto. Da quota 177.9 il confine prosegue lungo la strada interpoderale verso la località
Fornaci a quota 179.7 e da questa fino all'incrocio con la strada statale n. 12 che percorre a ritroso in
direzione di Volano per circa 250 metri, finché incontra sulla destra il fossato che segue fino ad
incontrare la strada interpoderale, in prossimità della quota 174.6.
Da tale punto la delimitazione prosegue lungo detta strada interpoderale in direzione dell'abitato di
Volano toccando le quote 177.0, 176.5, 176.3, 176.1 e in prossimità della quota 177.8 raggiunge il
km 359 della strada statale n. 12 da dove la delimitazione è iniziata.
Articolo 4
Le condizioni ambientali e di coltura dei vigneti destinati alla produzione del vino di cui all'art. 1
devono essere quelle tradizionali della zona di produzione e, comunque, atte a conferire alle uve ed
al vino derivato le sue specifiche caratteristiche di qualità.
Per i nuovi impianti e i reimpianti è previsto un numero minimo di 3.500 ceppi per ettaro.
La produzione massima di uva per ettaro in coltura specializzata non deve superare i limiti di
seguito indicati e deve inoltre assicurare il titolo alcolometrico volumico minimo naturale appresso
indicato:
Produzione max uva per
ettaro (tonn.)
Titolo alcolom. volum.
minimo naturale (% vol.)
Produzione max vino per
ettaro (hl)
«Trentino»
Marzemino Superiore dei
Ziresi
9 11,5 63
Su detto limite di resa in uva del vigneto è ammessa una tolleranza massima del 20% non avente
diritto alla denominazione di origine controllata.
Articolo 5
Le operazioni di vinificazione e invecchiamento obbligatorio del vino a denominazione di origine
controllata «Trentino» Marzemino accompagnata dall'appellativo «Superiore» e con la
specificazione della sottozona «Ziresi» o «dei Ziresi» devono essere effettuate all'interno del
territorio della provincia di Trento.
Articolo 6
Il vino a denominazione di origine controllata «Trentino» Marzemino accompagnata
dall'appellativo «Superiore» e con la specificazione della sottozona «Ziresi» o «dei Ziresi», all'atto
dell'immissione al consumo deve rispondere alle seguenti caratteristiche:
colore: rosso rubino;
odore: caratteristico; sapore: secco, pieno e gradevole;
titolo alcolometrico volumico minimo complessivo: 12,50% vol.;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto secco netto minimo: 24,0 g/l.
Articolo 7
Nell'etichettatura del vino a denominazione di origine controllata «Trentino» Marzemino
accompagnata dall'appellativo «Superiore» e con la specificazione della sottozona «Ziresi» o «dei
Ziresi» è ammessa la menzione «vigna», purché il prodotto così designato provenga dalla superficie
vitata corrispondente al toponimo indicato e siano osservate le condizioni di cui alle norme vigenti.

 
 
 
 
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Aziende consigliate

         

contatti

 

Adesione al portale

 

aziende  inserite


 
VINI-ITALIA.IT - OLI-ITALIA.IT  TIPICODITALIA.IT - DORMIREINITALIA.COM  ISAPORIDISICILIA.COM ART1.IT D0C.IT - D0CG.IT

partita iva 00732490891

© Art Advertising

NOTE LEGALI

Vini d'Italia Art Advertising non è collegato alle aziende ed ai siti recensiti e non si assume responsabilità sulla veridicità dei dati inseriti