portale internet  di informazione e promozione delle aziende vinicole italiane

 

 

 

Homepage

 

Il Moscato e l'Unità d'Italia
Massimo Taparelli, marchese d'Azeglio (Torino 24.10.1798 - 15.1.1866) fu un politico, scrittore, patriota e pittore, sposato con Giulia, figlia di Alessandro Manzoni.

Da uomo gaudente si guadagnò fra le dame di corte il nomignolo di "sporcaciun" mentre Francesco De Sanctis descrisse la sua attitudine come "un certo folleggiare pieno di buon umore".

Queste connotazioni hanno posto in un secondo piano le sue doti di politico che ebbe la capacità di intravedere i limiti della riunificazione d'Italia e quindi propose uno stato federale. Famosa la sua frase "L'Italia è fatta , ora facciamo gli italiani".

Se Massimo d'Azeglio tornasse in vita troverebbe l'Italia come l'ha lasciata, gli italiani come popolo è ancora da fare e il federalismo è ancora ai primi vagiti. Una cosa però troverebbe : un 'Italia unita dal Moscato. In Vallle d'Aosta potrebbe brindare con il Moscato di Chambave, in Piemonte con il Moscato d'Asti, in Lombardia addirittura con il Moscato della provincia di Pavia e con il Moscato di Scanzo, mentre in Veneto con il Colli Euganei Moscato, in Friuli con il Friuli Isonzo Moscato ed in Trentino con il Trentino Moscato giallo e il Trentino Moscato rosa.

Se volesse passare qualche giornata al mare incontrerebbe in Liguria il Golfo del Tigullio Moscato. Proseguendo il suo girovagare potrebbe brindare in Emilia con il Colli di Parma Moscato e con il Colli Piacentini Moscato, in Toscana con il Moscatello di Montalcino ed in Umbria con il Moscato Passito Umbria igt dolce. Ma anche nelle Marche con il Moscato nero delle Marche la sua curiosità sarebbe soddisfatta.

Se poi avesse la voglia di scendere ancora la penisola nel Lazio sarebbe affascinato dal Colli Etruschi Vibertesi Moscatello ed in Abruzzo dal Controguerra Moscato, mentre nel Molise con il Molise Moscato bianco. Ma le sorprese non finiscono qui, anche le regioni meridionali hanno i loro moscati. La Basilicata il Moscato Basilicata igt, la Campania il Sannio Moscato doc, la Puglia il Moscato di Trani e la Calabria il Moscato di Saracena. Un traghetto, in attesa del ponte, ed ecco gli stupendi Moscati di Sicilia : Il Moscato di Noto, il Moscato di Siracusa ed il Moscato di Pantelleria.

Massimo d'Azeglio tornerebbe senz'altro nel suo Piemonte con la nave con una capatina in Sardegna che ai suoi tempi e prima dell'Unità d'Italia era di proprietà del suo re e qui incontrerebbe quei Moscati che già conosceva: il Moscato di Cagliari, il Moscato di Sardegna e il Moscato di Sorso-Sennori. Tornando al quel "paese" dove molti italiani li hanno mandati direbbe ai vari Vittorio Emanuele, Cavour, Mazzini e Garibaldi "Una cosa è certa almeno con il Moscato l'Italia è unita" e da incallito "sporcaciun" prenderebbe in disparte la Contessa di Castiglione ed in un orecchio le sussurerebbe "Sai, il Moscato fa bene alle donne se bevuto dagli uomini...ed io ne ho bevuto tantissimo"

Buon Moscato d'Asti
Giovanni Bosco
presidente CTM

Fonte © Oliovinopeperoncino Per Gentile concessione

 
   
 

contatti

 

Adesione al portale

   


 
VINI-ITALIA.IT - OLI-ITALIA.IT  TIPICODITALIA.IT - DORMIREINITALIA.COM  ISAPORIDISICILIA.COM ART1.IT D0C.IT - D0CG.IT

partita iva 00732490891

© Art Advertising

NOTE LEGALI

Vini d'Italia Art Advertising non è collegato alle aziende ed ai siti recensiti e non si assume responsabilità sulla veridicità dei dati inseriti