portale internet  di informazione e promozione delle aziende vinicole italiane

 

Le denominazioni Doc - Docg
in Trentino Alto Adige

RICERCA  NEL  PORTALE

Homepage
Indice Trentino Alto Adige
le aziende vinicole
i consorzi di tutela
manifestazioni
news
I Vitigni della regione
I Vini Doc - Docg
I Vini Igt
associazioni
 
 
Alto Adige DOC D.M. 14/04/75 (G.U. n. 190 del 18/07/75) Dd 07/09/99 (G.U. n. 217 del 15/09/99).

Nella bella ed accogliente regione altoatesina, ovvero nella provincia autonoma di Bolzano, nel territorio di ben trentaquattro comuni, tra cui quello dello stesso capoluogo, dai vigneti posti per lo più su terrazze, si ottengono una grande varietà di vini bianchi, rosati e rossi, riuniti sotto l’unica denominazione "Alto Adige" o "dell’Alto Adige" (in lingua tedesca "Südtirol" o "Südtiroler"), accompagnata o non dall’indicazione del colore o dalla menzione di vitigno o dal nome di una sottodenominazione geografica. rosso rubino chiaro a medio; odore gradevole, fruttato, caratteristico; sapore morbido, gradevole. Gradazione minima: 10,5°. Uso: da pasto. I vini "Alto Adige" Pinot Bianco, Chardonnay, Pinot Grigio, Riesling, Sauvignon, Traminer Aromatico, Moscato Giallo, Müller Thurgau, Sylvaner e Kerner, con o senza specificazione di sottodenominazione, possono essere prodotti anche nella tipologia "passito" dal colore caratteristico del vitigno di provenienza; odore gradevole, delicato, caratteristico; sapore amabile o dolce, pieno, armonico, caratteristico del vitigno di provenienza. Gradazione minima: 16°. Immissione al consumo: dopo il 1° giugno dell’anno successivo alla vendemmia. Uso: da dessert. Se ottenuti da uve raccolte dopo parziale appassimento sulla pianta che assicuri una gradazione minima naturale di 14° e una resa dell’uva in vino non superiore a 50 ettolitri/ettaro, possono essere designati come "vendemmia tardiva". Tutti i vini "Alto Adige" possono portare in etichetta il riferimento a una microzona di produzione utilizzando la menzione "vigna" (Gewächs o Wachstum) seguita dal relativo toponimo

DISCIPLINARE
 
Lago di Caldaro DOC D.M. 23/03/70 (G.U. n. 115 del 09/05/70)

Questo vino prende il nome dal Lago di Caldaro in provincia di Bolzano, anche se il territorio di produzione si estende ad altri comuni della provincia di Trento. Prodotto con le uve dei vitigni Schiava grossa e/o Schiava gentile e Schiava grigia, con l’eventuale aggiunta di quelle di Pinot nero e Lagrein; ha colore rosso rubino da chiaro a medio; odore delicato, gradevole, caratteristico; sapore morbido, armonico, gradevole, leggermente di mandorla. Gradazione minima: 10,5°. Uso: da pasto. Con una gradazione minima di 11,5°, questo vino viene qualificato come "scelto" (Auslese). La specificazione "classico" (Klassisches Ursprungsgebiet o Klassisch) è riservata al vino prodotto in una precisa zona delimitata dal disciplinare di produzione; questo, sottoposto poi ad adeguate operazioni di affinamento, può portare la qualifica di "classico superiore". Per questi due tipi di vino può essere utilizzata la specificazione aggiuntiva "Alto Adige" (Südtiroler).

DISCIPLINARE
 
Casteller DOC D.M. 03/05/74 (G.U. n. 257 del 03/10/74)

Nella stretta e lunga fascia di terreni, in gran parte collinari (con esclusione di quelli situati oltre i 600 metri), a cavallo del fiume Adige, nella provincia di Trento, si produce questo vino rosso con le uve di Schiava grossa e/o Schiava gentile, Lambrusco a foglia frastagliata e con l’aggiunta di quelle di Merlot, Lagrein e Teroldego (massimo 20%); ha colore rosso rubino più o meno intenso; odore vinoso con leggero profumo gradevole; sapore asciutto o amabile, armonico, vellutato, gradevole. Gradazione minima: 10,5°. Con una gradazione minima di 11,5° può essere qualificato "superiore". Uso: da pasto.

DISCIPLINARE
 
Teroldego Rotaliano DOC D.M. 18/02/71 (G.U. n. 139 del 03/06/71)

Questo vino che prende il nome dal vitigno Teroldego, la cui coltura è pressoché limitata alla provincia di Trento, viene prodotto nei tipi:Rosso,Rosato (Kretzer),Superiore.

DISCIPLINARE
 
Trentino DOC D.M. 12/02/85 (G.U. n. 225 del 24/09/85)

In Trentino, ovvero nel territorio di ben settantadue comuni della provincia autonoma di Trento, capoluogo compreso, si producono da tempo, vinificando le varietà di uve della zona unitamente o separatamente, ottimi vini bianchi e rossi.

DISCIPLINARE
 
Trento DOC D.M. 09/07/93 (G.U. n. 169 del 21/07/93)

La denominazione di origine "Trento" è riservata al vino spumante ottenuto con le uve delle varietà di vite Chardonnay e/o Pinot bianco e/o Pinot nero e/o Meunier, provenienti da particelle fondiarie di sicura vocazione viticola del comune di Trento e di una sessantina di altri comuni della provincia, e prodotto nelle tipologie: Bianco e Rosato.

DISCIPLINARE
 
Valdadige DOC D.M. 24/03/75 (G.U. n. 194 del 23/07/75)

Da tempo immemorabile con le uve di diversi vitigni prodotte lungo la Valle dell’Adige, nelle provincie di Trento, Bolzano e Verona si producono questi vini che prendono appunto il nome della Valle.

DISCIPLINARE
 
Valdadige Terradeiforti DOC  
 
DISCIPLINARE
Meranese di collina revocato nel 1995 DOC D.M. 13/04/71 (G.U. n. 188 del 26/07/71)
 
 
Santa Maddalena revocato nel 1995 DOC D.M. 11/08/71 (G.U. n. 245 del 28/09/71)
 
 
Sorni revocato nel 1995 DOC D.M. 09/04/79 (G.U. n. 280 del 13/10/79)
 
 
Terlano revocato nel 1995 DOC D.M. 15/02/75 (G.U. n. 157 del 17/06/75)
 
 
Valle Isarco revocato nel 1995 DOC D.M. 26/06/74 (G.U. n. 299 del 16/11/74)
 
Colli di Bolzano revocato nel 1995 DOC D.M. 04/06/75 (G.U. n. 291 del 03/11/75)

 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
   
 

Aziende consigliate

         
         

contatti

 

Adesione al portale

   


 
VINI-ITALIA.IT - OLI-ITALIA.IT  TIPICODITALIA.IT - DORMIREINITALIA.COM  ISAPORIDISICILIA.COM ART1.IT D0C.IT - D0CG.IT

partita iva 00732490891

© Art Advertising

NOTE LEGALI

Vini d'Italia Art Advertising non è collegato alle aziende ed ai siti recensiti e non si assume responsabilità sulla veridicità dei dati inseriti